Jack Reacher – La prova decisiva

In un dialogo Jack Reacher chiede all’avvocato che lo sta aiutando, se non le piacerebbe vivere come lui: senza ansie, stress, paure. Non avere nulla da perdere.
E’ questa la natura del personaggio che tenta di trasmetterci il regista-sceneggiatore Christopher McQuarrie.
Il film ha il pregio di proporre uno sviluppo classico condendolo con qualche idea originale che lo staglia al di sopra dei soliti action-movie, pur senza creare nulla di nuovo. Lo fa andando controcorrente: ci sono poche scene d’azione, precisamente un solo inseguimento ma realizzato senza effetti speciali o inutili esplosioni; un tono moderatamente serio con spruzzate di ironia non infantile e solo raramente fuori luogo; una ritrovata voglia di creare suspance prima di tutto con una storia ben congegnata e un montaggio serrato. Soprattutto abbiamo un protagonista abbastanza originale nonostante rappresenti il tòpos cinematografico dell’eroe solitario visto in tanti film. Ben scritto e incarnato da un Tom Cruise perfettamente in parte che non si ripete nonostante la possibile confusione con l’agente della saga di Mission:Impossible.
Senza particolari ambizioni o proclami, svolge egregiamente il suo dovere rimanendo sempre coerente con se stesso, come la morale del suo interprete.

Jack Reacher (Tom Cruise)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Recensioni, Stagione 2012-13 e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...