A proposito di Davis

Pubblicato su

“poor boy… i been all around this world.”
– Llewyn Davis –

Come un gatto randagio la sorte di Llewyn Davis è quella di vagabondare da un posto all’altro dormendo su divani e suonare in locali semisconosciuti dove non lo noterà nessuno.
Sballottato fra New York e Chicago, incontrerà varie figure che appartengono al bizzarro universo dei Coen. Pedine apparentemente senza senso ma che sono scelte e si muovono con precisione chirurgica.
Llewyn cerca con tutte le forze di trovare la sua strada nel mondo della musica e nella vita, non fermandosi nonostante gli ostacoli. Come fa il gatto che lui stesso investe in una notte invernale in quella che è una potente ed evocativa rappresentazione di come i due registi guardano al cinema.
Al di là di ogni possibile interpretazione, è innegabile la loro capacità di regalare immagini che vanno oltre quello che mostrano e come queste producano suggestioni inaspettatamente profonde.
Trovare a tutti i costi un significato, una spiegazione logica al film non deve distrarre lo spettatore dal quanto a volte sia più importante il viaggio e non la meta. E’ facile disorientarsi quando non si hanno punti di riferimento, ma ha volte è necessario perdersi e lasciar scorrere gli eventi.
Sarebbe come ostinarsi a comprendere un’opera surrealista invece di ammirarla. E il quadro dipinto dai Coen è incredibilmente raffinato, straordinario da vedere e da ascoltare.
In un’industria legata al senso vedere rappresentata la casualità in modo così intenso ed epidermico può essere estremamente irritante e difficile da sopportare, ma questa è la scelta coraggiosa di due registi che con la perizia di chi racconta una storia lineare non hanno mai ingannato lo spettatore con speranze fittizie o la presunzione di risposte certe.
Tra le fessure di una filmografia che spesso viaggia dalle parti dell’umorismo nero e dove tutto sembra freddo ed inesorabile, si nasconde il cinema più filosofico e meno scontato che esista al momento.

Llewyn Davis (Oscar Isaac)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Recensioni, Stagione 2013-14 e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...