Lei

Pubblicato su

Quante cose ci vuole raccontare Spike Jonze in Lei, e quanta sincerità ci mette. Quella che a prima vista è una storia di fantascienza – l’amore fra Theodore (Joaquin Phoenix) e il suo sistema operativo Samantha (la voce di Scarlett Johansson) – è in realtà una più che mai realistica e attuale riflessione sui comportamenti e i costumi del mondo moderno. Una storia che racconta benissimo il presente attraverso il futuro.
Già dai primi minuti si nota la grande cura nella descrizione del mondo in cui veniamo proiettati: dall’atmosfera ovattata che sembra avvolgerti come la tecnologia così rassicurante, fino a particolari come la moda di indossare pantaloni senza cintura. Un futuro che pur simile nella sostanza è totalmente diverso nell’impatto visivo da quello spesso mostrato da Terry Gilliam.
Nonostante il rapporto con Samantha sia centrale, la tecnologia non viene celebrata o demonizzata, può contribuire ad incrementare la solitudine ma può anche aiutare a superare le proprie paure. Alla fine contano le scelte che ognuno compie, quelle che compie Theodore.
L’evolversi del loro rapporto è paradossalmente la parte più debole perché si sa già che non avrà futuro e che servirà al protagonista come mezzo per liberarsi dei suoi demoni. Il più canonico dei percorsi di maturazione raccontato con la passione di chi ha vissuto quelle emozioni sulla propria pelle. È infatti il regista che parla di se stesso, dell’elaborazione di un amore finito, del coraggio di voltare pagina, mettendo in scena parole e personaggi che sembrano un personale viaggio catartico, un percorso così sincero da dare a volte l’impressione di girare a vuoto e di ripetere gli stessi concetti. Fortunatamente il regista non perde mai il filo e inserisce sempre immagini o momenti – come la scena in cui abbandona il proprio passato in una notte nevosa – che si svincolano dalle catene della realtà per usare l’arma ben più potente del cinema per descriverla.
Jonze ci racconta la sua storia più personale nel modo più universale possibile trovando il Theodore di ognuno di noi.

Theodore (Joaquin Pheonix)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Recensioni, Stagione 2013-14 e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...