Captain America: The winter soldier

Pubblicato su logomerig-132-e13679563809294

Se c’è una cosa che conferma questo Captain America – The winter soldier è il grande lavoro che stanno facendo i Marvel Studios. Inutile ripeterne i meriti ma importante riconoscerne l’abilità nel portare avanti un universo cinematografico così espanso. Mai era successo che dei film funzionassero come veri e propri episodi di una serie televisiva, con personaggi ed eventi collegati. E come ogni buona serie – con la giusta programmazione – migliora sempre di più grazie ai tasselli che si vanno ad aggiungere man mano. Questo capitolo in particolare più che del supersoldato ci parla del mondo che occupa e dell’organizzazione per cui lavora: lo SHIELD. La società segreta citata in quasi ogni film (e ora protagonista guarda caso anche di una serie tv) che qui viene descritta con tutte le sue ombre a partire dal direttore Nick Fury, con un Samuel L. Jackson finalmente più sfaccettato. E’ una storia di spionaggio, lotte interne, compartimentazioni e di nemici invisibili che si servono del Soldato d’inverno – in maniera non dissimile dal Mandarino di Iron man 3 – come braccio operativo per celare qualcosa di più ampio. Il tutto viene raccontato con agilità dai fratelli Anthony e Joe Russo e con la consapevolezza di parlare ad un pubblico che ormai non ha più bisogno di storie autoconclusive ma è in grado di accettare i meccanismi di una serialità cinematografica sempre più evidente. Così quello che ci viene proposto in questa avventura non è un semplice riempitivo ma affronta senza paura la portata e le conseguenze degli eventi, consegnandoci anche uno Steve Rogers perfettamente inquadrato nella sua moralità che non fa rima semplicemente con quella da “primo della classe”.
Negli anni ’80-’90 gli equivalenti degli attuali supereroi erano i vari Indiana Jones, Martin Riggs e John McClane. Proprio quest’ultimo in Die Hard è stato il primo action-hero della storia del cinema a piangere. Steve Rogers non è il primo ma è a suo modo complice di una piccola rivoluzione, almeno nelle intenzioni e nel modo che ci viene raccontata, rappresentando il primo supereroe veramente smarrito e così fuori posto nel mondo.
La sua condizione di disadattato viene trattata con ironia spesso intelligente – memorabile il libretto su cui si appunta i film e la musica da ascoltare – ma anche incredibilmente crudele come la domanda che gli viene rivolta su cosa lo renda felice alla quale risponde con un semplice e disarmante “non lo so”.
Una sceneggiatura infallibile nel suo essere non solo uno spensierato blockbuster ma rivelarsi coraggiosa e ambiziosa senza la pesantezza di prendersi mai troppo sul serio.
E dopo i titoli di coda, di corsa ad ascoltare Marvin Gaye.

Natasha Romanoff/Vedova Nera (Scarlett Johansson) e Steve Rogers/Captain America (Chris Evans)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Recensioni, Stagione 2013-14 e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...